Relaz. Prof. Gruppioni - Roccapelago

Vai ai contenuti

Menu principale:

Relaz. Prof. Gruppioni

Le Mummie > Studi


UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA
Sede di Ravenna
Dipartimento di Storie e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali
Prof. Giorgio Gruppioni
 giorgio.gruppioni@unibo.it


I RESTI UMANI DI ROCCAPELAGO (MO)
Ricostruzione antropologica di una comunità isolata dell’Appennino modenese

Il ritrovamento dei resti umani, in parte mummificati, di numerosi inumati, nella chiesa di Roccapelago (Mo), riveste un grande interesse scientifico, sia per le importanti conoscenze che esso potrà fornire per la ricostruzione della storia antropologica e bioculturale della piccola comunità vissuta nel passato in questa località, sia per indagare sui processi e sui meccanismi microevolutivi delle popolazioni umane e sul loro rapporto con l’ambiente e le risorse.
Dai resti umani si possono infatti ottenere molte informazioni sulle caratteristiche biologiche e sulle vicende umane di individui vissuti nel passato. Essi conservano tracce del profilo biologico di ciascun individuo, che possono consentire di ricostruirne ad esempio l’aspetto somatico, il sesso, l’età di morte, fino anche all’identità genetica attraverso l’esame del DNA estratto dai resti. Allo stesso tempo sui resti scheletrici si possono individuare indicatori correlati con la dieta nonché segni riconducibili a malattie, a stati carenziali, all'attività fisica svolta o ad eventi traumatici che hanno colpito il soggetto nel corso della sua esistenza.
Le osservazioni preliminari finora eseguite sui materiali osteoarcheologici di Roccapelago preannunciano risultati di notevole interesse anche con riferimento alle particolari condizioni ambientali, di vita e di sussistenza nonché di isolamento geografico e bioculturale in cui è vissuta questa piccola comunità per secoli. Tutto ciò suggerisce di effettuare su di essi una ricerca sistematica, multidisciplinare, con un duplice scopo, scientifico e di comunicazione delle conoscenze, anche mediante tecnologie innovative di ricerca e di divulgazione scientifica. Con questo obiettivo gli studi che ci si propone di effettuare sono i seguenti:
- analisi osteologica dei reperti, anche con l’ausilio di tecniche radiologiche (radiografie e TAC) e istologiche, finalizzate alla ricostruzione delle caratteristiche antropologiche e paleodemografiche della popolazione;
- esame delle lesioni odontostomatologiche e ossee dovute a malattie genetiche, metaboliche, infettive ed osteoarticolari, a traumi, a cause igienico-nutrizionali e a stati carenziali;
- analisi degli indicatori di stress biomeccanici, funzionali e ambientali dello scheletro riconducibili all’ambiente e all’attività fisica svolta;
- esame degli indicatori dentali nonché degli elementi in traccia e degli isotopi stabili presenti nelle ossa per la ricostruzione della paleo dieta;
- rilevazione e analisi dei caratteri epigenetici dello scheletro in relazione alle possibili condizioni endogamiche della comunità;
- analisi del DNA estratto dai reperti per la ricostruzione della struttura e della storia genetica della popolazione nonché della possibile continuità genetica con la comunità locale attuale;
- studi di entomologia archeologica su resti di insetti e larve associati alle sepolture allo scopo di contribuire a rivelare aspetti connessi con le modalità e le condizioni di inumazione;
- indagini paleomicrobiologiche finalizzate alla rivelazione di microrganismi patogeni;
- ricostruzione mediante modellazione virtuale 3D e tecniche di facial reconstruction in uso nel campo dell’antropologia forense, del volto e dell’aspetto somatico di alcuni inumati;

- ricostruzione mediante tecnologie virtuali 3D delle sepolture più significative da impiegare ai fini di una efficace valorizzazione e divulgazione in ambito museale.


Sepoltura femminile mummificata

La ricerca sarà condotta presso il Laboratorio di Antropologia del Dipartimento di Storie e Metodi per la Conservazione dei Beni Culturali dell’Università di Bologna (sede di Ravenna) dal prof. Giorgio Gruppioni e dalla sua equipe scientifica, con la collaborazione di esperti di altri centri di ricerca fra cui: prof. Massimo Andretta - CRSA MedIngegneria, Marina di Ravenna - per le analisi chimico- fisiche dott. Stefano Vanin - University of Huddersfield (UK) - per le indagini di entomologia archeologica prof. Giuseppe Cornaglia - Università di Verona - per le analisi di paleo microbiologia dott.ssa Rosa Boano - Università di Torino e Prof. Ezio Fulcheri - Università di Genova - per le analisi e gli eventuali interventi conservativi dei tessuti mummificati.

Ravenna, 15 giugno 2011

 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu