Roccapelago

Vai ai contenuti

Menu principale:

Novità 2019



sabato 20 luglio 2019
Ore 21.00 Concerto del tenore Roberto Bruove presso la chiesa parrocchiale


sabato 03 agosto
Ore 17.00 Conferenza dell'antropologo Mirko Traversari
Ore 18.00 Spoon River a cura di Juri Bautta


giovedì 15 agosto
Ore 21.00 Concerto in organo presso la chiesa parrocchiale


venerdì 16 agosto
Sagra di S. Rocco
ore 10.00 S.S. Messa con processione per le vie del paese
ore 15.00 Rievocazione storica
a seguire musica dal vivo con Fabio









    


LINKS

Musei Modenesi

Castelli di Modena
Pievepelago Info
Camping Fra Dolcino
Condottieri di ventura
Emilia Romagna beni culturali



        


Benvenuti a Roccapelago.it

Questo castello, costituito da una roccaforte naturale che si erge su uno sperone roccioso del monte Rocca, era probabilmente un antico castelliere preistorico ricco di grotte e caverne fino ad oggi non ancora esplorate.


Le origini di Roccapelago

Si ritiene che il blocco roccioso sul quale sorge Roccapelago fosse un antico castelliere preistorico, ciò sarebbe dimostrato da due punte di frecce silicee di età eneolitica ritrovate nella zona. Prima menzione di un “Castrum Pelago” si trova in un documento del 753. Alla realizzazione della Rocca collaborarono tutti gli uomini del Pelago, acquisendo il diritto di potervisi rifugiare in caso di pericolo. Roccapelago appartenne probabilmente sin dal XII secolo ai Gualandelli, fu in seguito dal 1240 feudo dei Montegarullo, di cui subì le conseguenze della politica bellicosa specialmente sotto Obizzo da Montegarullo. Nel 1393, essendosi Obizzo ribellato agli Estensi, Roccapelago subì l’assedio dei Lucchesi alleati della casa d’Este, che si impossessarono del castello. Nel 1396 Obizzo riuscì a riappropriarsene e Roccapelago rimase ai Montegarullo fino al 1408 quando un potente contingente militare, al comando di Uguccione dei Contrari, riuscì a catturarlo e a portarlo prigioniero a Ferrara. Nel 1586 nel perimetro del castello ormai abbandonato, venne costruita la nuova chiesa di Roccapelago. La forma quadrata, massiccia, senza archi, senza colonne e senza volte fa ritenere che il suo vano fosse stato la sala del maniero di Obizzo. Il campanile fu eretto a spese della popolazione nel 1765, utilizzando una torre del
vecchio castello. Altri lavori di restauro vennero eseguiti nel 1925 a causa dei danni di un terremoto.
Recentemente sono state recuperate quattro antiche sale che attualmente ospitano il museo "Sulle orme di Obizzo da Montegarullo".








VIDEO
Avvenimenti nella Rocca del Pelago

Torna ai contenuti | Torna al menu